Visitando Capodimonte

È così incredibile come un unico quartiere possegga così tante sfaccettature.

Capodimonte è una Reggia, essendo nata come riserva di caccia di Re Carlo ed avendo ospitato tre dinastie reali. Capodimonte è un Museo, arricchito con le collezioni delle famiglie reali e le diverse opere donate da collezionisti privati. Capodimonte è un bosco, il Real Bosco, e con i suoi 134 ettari e più di 400 specie vegetali, costituisce un’area verde incontaminata che si affaccia sulla città e sul golfo di Napoli.

Per il suo patrimonio storico, architettonico e botanico il Bosco di Capodimonte è stato nominato nel 2014 il parco più bello d’Italia.

In questo tour, non mancheranno: la maestosità della Reggia di Capodimonte, gli spazi verdi del Real Bosco e la suggestività delle Catacombe di San Gennaro, noto patrono di Napoli. Incontreremo una leggera difficoltà di salita, perciò consigliamo l'utilizzo delle nostre E-bike

ITINERARIO IN SINTESI

Km Totali in Bicicletta 15 km ca. – Dislivello totale 260 m ca. 

​​

Incontro con la Guida e l’assistenza tecnica per il briefing

iniziale: presso Piazza del Plebiscito, Napoli alle ore 09:00 ca.

Partenza del tour ore 09:30 ca.

Percorso: Facile

Durata visite escluse: 3 ore ca.

Durata visite incluse: 5/6 ore ca.

*Su richiesta è possibile modificare il punto di partenza

del tour e l’orario in base alle vostre esigenze.

Punti d'interesse:

La Reggia di Capodimonte: Fu la residenza storica dei Borbone di Napoli, ma anche dei Bonaparte e Murat nonché dei Savoia.

Voluta fortemente da Carlo di Borbone come luogo dove accogliere la collezione Farnese, è stata successivamente adibita a reggia fino al 1957, anno dal quale ospita il Museo nazionale di Capodimonte. La reggia si estende su due livelli ed al primo piano si trovano gli Appartamenti Reali: si tratta in parte di ricostruzione, in parte di originali, degli arredi appartenuti alle famiglie dinastiche che hanno abitato nella dimora; tra gli elementi di spicco: porcellane, oggetti di vita quotidiana e sculture e pitture di artisti italiani ed europei del XVIII e XIX secolo.

Il luogo prescelto per la costruzione dell'edificio è la collina di Capodimonte, una zona boschiva di Napoli, ricca di selvaggina, con l'intenzione di affiancare all'uso museale anche un luogo dove risiedere durante le battute di caccia: la collina inoltre offre panorami sul Vesuvio, San Martino e Posillipo.

Il parco di Capodimonte: era prevalentemente utilizzato dai sovrani per battute di caccia e per l'organizzazione di feste: a seguito dell'apertura del museo nel 1957 è diventato un parco pubblico. Venne realizzato nel 1743 da Ferdinando Sanfelice secondo il gusto barocco del periodo, ed intorno alla metà del XIX secolo fu restaurato da Federico Dehnhardt, assumendo l'aspetto di un giardino all'inglese: al suo interno sono presenti oltre quattrocento varietà di piante secolari, affiancate in seguito da coltivazioni di piante da frutta, specie esotiche, e palme, queste ultime messe a dimora nel dopoguerra. Nel parco si ritrovano statue, fontane e numerosi edifici, in origine dimore di corte, come la casina dei Principi, o sedi di fabbriche, alcune delle quali riconvertite ad una nuova funzione, come la fabbrica di porcellana divenuta sede di una scuola per la lavorazione della ceramica. Non mancano delle chiese come quelle di San Gennaro e l'eremo dei Cappuccini. 

Le catacombe di San Gennaro: sono situate sotto il caratteristico rione Sanità, e sono un pezzo importante della storia della città fortemente intrecciata con quella del suo santo protettore: San Gennaro. Le sue spoglie furono traslate nelle catacombe esistenti nel V secolo. Da allora, questi luoghi di sepoltura cimiteriale sono diventate meta di pellegrinaggio fino alla fine del IX secolo e riscoperte in tempi recenti.

Si compongono di due livelli non sovrapposti: dal "vestibolo inferiore" in cui si sono sviluppati gli ambulacri della catacomba inferiore secondo uno schema di scavo ampio ed orizzontale e dal "vestibolo superiore", noto per gli affreschi della volta e per la piccola "cripta dei vescovi" ubicata presso la tomba di San Gennaro. Qui vennero sepolti alcuni dei primi Vescovi napoletani, mentre la maestosa "basilica maior" è frutto di un'ampia trasformazione dei vicini ambienti realizzata quando, nel sec. V, vi fu traslato il santo.
 

Costo a persona*

da 3/4 pax a max 15 pax  € 55.00/persona

Servizi inclusi:

  • Guida;

  • Noleggio bicicletta**;

  • Casco.

Servizi non inclusi:

  • Ingresso ai musei;

  • Pranzo.

Su richiesta, possiamo prenotare i biglietti per visitare:

- museo e Reggia di Capodimonte

- Catacombe di San Gennaro

(i costi dei biglietti sono variabili a seconda del periodo e del numero di persone)

Supplementi:

Supplemento bicicletta Mtb, trekking: 12.00€

Supplemento bicicletta con pedalata assistita: 20.00€

Supplemento per 1/2 pax: € 15.00 a persona

Su richiesta Tour personalizzati.

*per maggiori informazioni e prenotazioni, scrivi a: info@irentbike.com

termini e condizioni

LOMBARDO SIENA.JPG

**Per questo tour, I Rent Bike mette a disposizione la city bike, ideale e confortevole per percorsi cittadini