Tour della Vallonia, Fiandre e Paesi Bassi

Un tour suggestivo dei Paesi Bassi che ci porterà ad attraversare paesaggi mozzafiato, andando alla scoperta dei meravigliosi luoghi della terra dei tulipani e dei mulini a vento. Partiremo attraversando le Ardenne per arrivare nelle Fiandre, dove potremmo ammirare la maestosità del Mare del Nord. A questo punto ci sarà il trasferimento ad Amsterdam, la capitale del nord d'europa, dove finalmente visiteremo i famosi mulini a vento e le infinite distese di tulipani.

ITINERARIO IN DETTAGLIO

Giorno 1

Rochefort, Dinant e Namur  

Difficoltà: Facile

Km totali in bici: circa 60 km

Dislivello totale: circa 350 m.

Durata visite incluse: circa 4 ore

Durata visite escluse: circa 6 ore.

PUNTI D'INTERESSE:

Rochefort: è una città situata a sud est del Belgio, nella provincia di Namur. Molto vicina alle Ardenne, è bagnata dal fiume Lomme. La si apprezza soprattutto per le sue origini che risalgono al periodo romano. Ad oggi i suoi abitanti non sono numerosi, fattore che pone la località in un contesto Tranquillo e poco frenetico, circondato da una natura fertile e ben curata.

Dinant: è un comune belga di 13.143 abitanti situato nella provincia vallona di Namur. Si trova sull'alto corso della Mosa, nel Belgio francofono, in una stretta della valle ed è dominata da una fortezza. Caratteristica è la collegiata realizzata in pietra nera. A Dinant nacque nel 1814 Adolphe Sax (Antoine Joseph Sax), costruttore di strumenti musicali ed inventore del sassofono o sax. Nel profilo della città di Dinant si vede spuntare la Collegiata di Notre-Dame, con il caratteristico campanile a bulbo. Tra le tante caratteristiche, la collegiata ha una vetrata azzurra tra le più alte d'Europa, il pulpito settecentesco e il portale romanico.

Namur: è una città del Belgio di circa 100.000 abitanti, capitale della Vallonia, capoluogo dell'omonima provincia e sede vescovile cattolica, posta alla confluenza dei fiumi Mosa e Sambre. Il centro sorse con scopi militari in epoca merovingia per presidiare la valle della Mosa: il monumento principale della città è la cattedrale di Sant'Albano, che tra il 1751 e il 1763 ha assunto l'attuale compagine neoclassica; importanti anche il Musée des Arts Anciens du Namurois e il Musée Archéologique. Il forte bastionato che presidiava la Sambre (la Citadelle), teatro di innumerevoli assedi, e che conserva le tracce di grandi ingegneri militari quali Vauban e Menno van Coehoorn, dal 1891 è stato trasformato in parco. Dalla cittadina prende anche il nome il Namur, un'arma bianca, diffusa nell'Ottocento, che pare venisse costruita ed impiegata nella città stessa durante l'invasione francese del Belgio (1792-1794).  Originariamente struttura romana, venne riedificata, modificata e ampliata diverse volte nel corso dei secoli. Oggi è una delle più grandi fortezze d'Europa ed è classificata come Patrimonio maggiore di Vallonia.

Giorno 2

Waterloo, Beersel e Bruxelles

Difficoltà: Media

Km totali in bici : circa 75 km

Dislivello totale: circa 350 m

Durata visite escluse: circa 4 ore 

Durata visite incluse: circa 6 ore.

Waterloo: è nota in tutto il mondo per l’ultima epica battaglia condotta da Napoleone Bonaparte. Qui si svolse una delle battaglie che mutarono il corso della storia, che vide Arthur Wellesley il Duca di Wellington vincitore. La Collina del Leone, dove spicca il leone, simbolo della Gran Bretagna che poggia una zampa sul globo. Alla cima della collina si accede alla lunga scalinata formata da 226 gradini, da dove si può spaziare tutto il campo di battaglia grazie anche ad una tavola illustrativa che mostra la disposizione dei vari schieramenti. Il Museo delle cere, nel quale sono raffigurati i protagonisti, le statue di cera furono realizzate nel 1949 dagli artisti del Museo Grévin. All’interno del museo sono anche visibili vari documenti e testimonianze e molti autentici reperti. Il Panorama della Battaglia venne aperto al pubblico nel 1912 e accoglie una tela circolare che è lunga 110 metri ed è larga 12 metri, che mostra alcune vicende della battaglia.

Beersel: a poca meno di dieci chilometri da Bruxelles si trova Beersel. Il castello medievale fortificato risale al XII secolo e si trova in una zona boscosa ed è circondato da un lago, che si attraversa tramite un ponte levatoio. In onore di questa fortezza Victor Hugo compose alcuni versi. Il castello di Beersel è una delle più note fortificazioni medievali del Belgio. Come la maggior parte dei castelli fiamminghi per la sua costruzione al posto delle pietre vennero utilizzati mattoni rossi. Il paesaggio pianeggiante costrinse il signore locale a creare un grande fossato, e ad erigere alte mura e possenti torri, straordinariamente alte rispetto ad altre fortezze belghe risalenti a quel periodo. Da visitare ci è anche il birrificio 3 Fonteinen. Per gli amanti della birra, è una ottima occasione per effettuare una degustazione dei diversi tipi di birra belga, comprese le varietà di frutta.

Bruxelles: è considerata la capitale de facto dell'Unione europea in quanto sede di varie istituzioni, tra cui la Commissione europea, il Consiglio dell'Unione europea e il Parlamento europeo. Ad Evere ha inoltre sede il quartier generale della NATO. Bruxelles ospita anche il Comitato delle Regioni e il Comitato economico e sociale. Il primo nucleo della città di Bruxelles sarebbe sorto nel VI secolo d.C. per iniziativa del vescovo di Cambrai, come punto di collegamento strategico tra le città di Colonia e Bruges. Successivamente la sua storia risultò indissolubilmente legata alle sorti della regione delle Fiandre, passando attraverso le lotte per il predominio tra l'Austria, la Spagna e la Francia. Nel 1477, quando divenne capitale dei Paesi Bassi austriaci, era ritenuta una delle città più attraenti e ricche d'Europa, grazie soprattutto alle sue attività commerciali, concentrate sul traffico di tessuti. Nel 1567, per soffocare i moti autonomisti, lo spagnolo Duca d'Alba adottò metodi fortemente repressivi, arrivando a far decapitare 1.800 persone. Il governo spagnolo, che si protrasse ancora per tutto il XVII secolo, risultò inetto e disastroso, e provocò un rapido declino economico, che portò a sua volta gli artigiani e i mercanti alla sollevazione. L'indipendenza, dopo un periodo di occupazione napoleonica e dopo quindici anni di associazione con la Corte d'Olanda, venne finalmente raggiunta nel 1830, in seguito a una rivolta scoppiata tra le vie cittadine il 25 agosto.

Giorno 3

Gand e Bruges

Difficoltà: Media

Km totali in bici : circa 90 km

Dislivello totale: circa 100 m

Durata visite escluse: circa 4 ore 

Durata visite incluse: circa 6 ore.

Gand: è una città del Belgio, capoluogo delle Fiandre Orientali. Si estende su una superficie di 156.18 km², e nel 2012 contava 251 133 abitanti, il che ne faceva la terza città più popolata del Belgio. Gand fu la capitale dell'antica contea delle Fiandre, spesso rivale di Bruges, e città natale di Carlo V. Importante nodo ferroviario, dispone anche di un porto marittimo che, attraverso una serie di canali, si collega al Mare del Nord. Il motto della città è in latino Fides et amor, fedeltà e amore. Il dialetto locale «Gantois» è uno dei più tipici in Belgio. Capoluogo delle fiandre orientali, sorge su diverse isolette formate dalla confluenza del fiume Lys con la Schelda. Città di cultura, con una importante università, e di industria con manifatture meccaniche, chimiche, della gomma, alimentari e tessili. Ogni cinque anni, nell’ultima settimana di Aprile si tiene la “Floralies di Gand”, uno dei più importanti e rinomati appuntamenti per gli appassionati di floricultura di tutto il mondo.

Bruges: è una città del Belgio, capoluogo e maggiore città delle Fiandre Occidentali, nella Comunità fiamminga. Sede permanente del Collegio d'Europa e di una diocesi cattolica, il centro storico medievale è stato proclamato nel 2000 patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Nel 2002 la città è stata capitale europea della cultura insieme alla città spagnola di Salamanca. Sono state trovate poche tracce di attività umane antecedenti il periodo gallo-romano. Le prime fortificazioni furono realizzate dopo la conquista dei Menapi da parte di Giulio Cesare nel I secolo a.C. Le incursioni vichinghe del IX secolo indussero Baldovino I, conte delle Fiandre, a rinforzare le fortificazioni preesistenti per ristabilire le rotte commerciali marittime. Bruges è senza dubbio uno dei gioielli del nord Europa, che offre al visitatore una ricca combinazione di storia e splendori architettonici fiamminghi in un centro città compatto e visitabile a piedi. I luoghi da cui far partire l’esplorazione della città sono la piazza del mercato, il Markt, su cui si staglia la figura altissima della torre campanaria “il Belfort”, e il Burg, un’altra piazza a pochi passi dal Markt, che possiede una serie di splendidi edifici.

Giorno 4

Nieuwpoort, Knokke-Heist

Difficoltà: Facile

Km totali in bici : circa 70 km

Dislivello totale: circa 0 m

Durata visite escluse: circa 3 ore 

Durata visite incluse: circa 5 ore.

Nieuwpoort: è un comune belga situato nella provincia fiamminga delle Fiandre Occidentali. La municipalità comprende la città di Nieuwpoort vera e propria e le cittadine di Ramskapelle e Sint-Joris. A Nieuwpoort il fiume Yser si getta nel mar del Nord. Ottenne lo status di città nel 1163 dal conte Filippo I delle Fiandre. Vi si svolse nel 1600 la battaglia di Nieuwpoort, tra olandesi e spagnoli. Durante la battaglia dell'Yser, nella Prima guerra mondiale, Karel Cogge aprì per due volte le chiuse alle bocche del fiume Yser per allagare l'entroterra, fermando così l'avanzata dell'esercito tedesco.

Knokke-Heist: è una stazione balneare della costa belga del Mare del Nord e una tra le città maggiormente importanti per il turismo belga, specialmente dalle classi medie ed agiate. Nella cittadina è situato anche uno dei capolinea del Kusttram, linea tranviaria di 62 km che corre lungo tutta la costa belga fino a De Panne. La riserva naturale di Zwin è una delle più importanti del litorale, nonché una delle più importanti del Belgio. Una delle attrazioni principali della città è il Giardino delle Farfalle che comprende una collezione di farfalle provenienti da tutto il mondo, sono oltre 300 le farfalle recensite. Sul lungomare si trovano ristoranti e, da ricordare, è il primo stabilimento nei pressi della diga che fu aperto nel 1896 nell'antico corpo di guardia di un fortino francese del periodo napoleonico. Tra le specialità della cucina di questo angolo di Fiandra al confine con i Paesi Bassi troviamo le famose gaufres di Moeder Siska a forma di trifoglio a cinque cuori.

Giorno 5

Trasferimento ad Amsterdam

Giorno 6

Amsterdam, Zaanse Schans, Edam, Volendam  

Difficoltà: Facile

Km totali in bici : circa 60 km

Dislivello totale: circa 0 m

Durata visite escluse: circa 3 ore 

Durata visite incluse: circa 5 ore.

Amsterdam: è la capitale e la maggiore città dei Paesi Bassi, nella provincia dell'Olanda Settentrionale. L'area al centro della città circondata dai canali del XII secolo è dal 2010 Patrimonio dell'umanità. La città è famosa per ospitare il Rijksmuseum (museo statale), il museo Van Gogh, il Concertgebouw, il Rembrandthuis, la casa di Anna Frank e un enorme numero di biciclette. Amsterdam è anche famosa per il suo quartiere a luci rosse, il De Wallen, e i suoi numerosi coffee-shop autorizzati alla vendita di marijuana e di derivati della cannabis. Le mete turistiche principali sono: Piazza Dam è la storica piazza costruita sulla prima diga dell'Amstel e centro per antonomasia della città, vi si affacciano notevoli monumenti. Canali di Amsterdam. Tutto il centro storico della città è costituito da una rete di canali lunga più di cento chilometri, circa 90 isole e 1.500 ponti. Lungo i canali si trovano 1550 edifici monumentali. L'area compresa nella cintura di canali del XVII secolo all'interno del Singelgracht, che comprende il Prinsengracht, Keizersgracht, Herengracht e Jordan, è inserita nella lista dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.

Zaanse Schans: è una piccola comunità di 40 case situata a nord-est di Amsterdam, sulla banchina del fiume Zaan. Nel XVIII secolo questa regione era un'area industriale con oltre 700 mulini a vento. Molti di questi storici mulini ed alcune case sono ancora in ottimo stato e rappresentano una forte attrazione turistica, tant'è che in alcuni è prevista la possibilità di visitarli nei loro interni. Nel 2007 è stato costruito un nuovo mulino sullo stampo di quelli storici che all'interno mostra un video delle operazioni di costruzione.

Zaanse Schans è conosciuta per i suoi mulini. In questi ultimi secoli nella zona (chiamata Zaanstreek) ne esistevano più di 1000. I primi mulini furono nel 1321 a Jisp e nei secoli dopo diversi mulini furono costruiti nelle vicinanze, e venivano sfruttati per muovere l'acqua e macinare la farina nella zona denominata Zaanstreek.

Edam: è una cittadina della costa sud-orientale dell'Olanda Settentrionale, situata nella regione del Waterland ed affacciata sul Markermeer, il tratto meridionale dell'IJsselmeer. La località, un tempo porto di pescatori per la caccia alle balene, è nota a livello mondiale per l'omonimo formaggio. Le principali attività economiche di Edam sono ora l'industria, la pesca, l'agricoltura e l'allevamento. Il formaggio Edam si produce sin dal XVI secolo. Si caratterizza per il rivestimento in cera (gialla per i Paesi Bassi e rossa per l'estero, usata per distinguerlo dal gouda).

Volendam: è una tranquilla cittadina di pescatori affacciata sul Zuiderzee, un bel porticciolo, un’interminabile passeggiata lungomare e tanti ristoranti, locali e negozi che incorniciano il centro. Famosa per il pesce (principalmente anguille), e per i costumi tradizionali degli abitanti. Il nome Volendam ha un’origine storica e deriva dal termine “diga”, e si riferisce a quella realizzata nel 1357, che intrappolò il mare e ne segnò la fortuna e il commercio del villaggio di pescatori. L’ideale è esplorarla proprio partendo dal piccolo e ben conservato porto, ammirando i capolavori nautici qui ormeggiati e salutando la statua del “nonno” uno dei fondatori del villaggio. È sempre a lato del porticciolo che si trova il piccolo Museo di Volendam su palafitta, per un viaggio nella storia della cittadina di mare, fra tradizioni, costumi e immagini dei tempi che furono.

PREZZI DEL PACCHETTO PROPOSTO

Costo a persona (in camera doppia) per gruppi di 18/20 partecipanti:

 

€ 1789,00 escluso il mese di Agosto e Settembre ai quali verranno effettuati preventivi personalizzati.

 

Supplemento camera singola: € 25,00 al giorno/persona

 

Servizi inclusi:

  • Pernottamenti in Hotel/B&B 3/4 stelle con trattamento in mezza pensione (escluso bevande);

  • Colazione a sacco;

  • Guida ciclistica;

  • Assistenza tecnica al seguito per trasporto bagagli.

 

Servizi non inclusi:

  • Durante le escursioni in bici si ha la possibilità di pranzare in ristorante/agriturismo (prezzo medio di circa €40,00/45,00 a persona, comprende: antipasto, primo, secondo, frutta. Sono escluse le bevande);

  • Biglietti per i siti archeologici;

  • Noleggio bicicletta, casco e accessori;

  • Possibilità di transfer andata/ritorno (su prenotazione);

  • Extra e tutto quello non riportato in “servizi inclusi”.

Su richiesta Tour personalizzati.

Per maggiori informazioni e prenotazione, scrivi a: info@irentbike.com

Termini e condizioni