Tour nel Cuore delle Dolomiti - Bormio

Un tour straordinario dove potrai godere di panorami unici e cimentarti in una sfida con te stesso. Con partenza da Bormio, dove partono una serie di strade che portano a percorrere i valichi più importanti per i ciclisti di tutto il mondo, resi famosi dalle imprese dei corridori del Giro d'Italia, che negli anni hanno intrapreso battaglie sportive seguite da milioni di appassionati della bicicletta da corsa.

Primo giorno: Bormio, Mazzo di Valtellina, Passo Mortirolo,Ponte di Legno, Passo Gavia, Bormio

Difficoltà: Media

Lunghezza percorso : circa 101 km

Ascesa totale: circa 2900 m

Tempo di percorrenza: circa 6 ore (escluso visite)

Tempo di percorrenza con soste: circa 8 ore.

Mortirolo: è conosciuto da tutti per le pendenze proibitive e per le imprese dell'allora esordiente Marco Pantani al Giro d'Italia del 1994. Questo è senza dubbio uno dei più bei tour, da percorrere in bici, per emulare i grandi corridori del Giro d'Italia. La salita del Mortirolo è conosciuta in tutto il mondo e presenta una difficoltà fuori dal normale: una distanza di 12,4 Km, per un dislivello di 1300 m, con pendenza massima del 18%.

Passo Gavia: il trasferimento fino a Ponte di Legno è piacevole e prepara all'ascesa del mitico Gavia (versante bresciano), lungo e con una discreta difficoltà (distanza di 17,3 km per un dislivello di 1363 m). Il rientro a Bormio è piacevole, ma il tratto fino a S. Caterina Valfurva necessita di una particolare attenzione.

Secondo giorno: Bormio, Passo del Foscagno, Livigno, Bormio

Difficoltà: Media

Lunghezza percorso : circa 65 km

Ascesa totale: circa 2000 m.

Tempo di percorrenza: circa 5 ore (escluso visite)

Tempo di percorrenza con soste: circa 7 ore.

Livigno: partiti da Bormio si segue la strada per lo Stelvio. Per 7 Km la strada è un tranquillo saliscendi. L'unica difficoltà del Foscagno è la sua relativa lunghezza che può mettere in crisi i meno preparati. Si sale agevolmente con discreti rapporti senza mai incontrare vere e proprie difficoltà: la salita è sempre costante e solo a pochi chilometri dal passo aumenta leggermente. Verso il termine della nostra fatica, attraverseremo delle gallerie artificiali costruite per proteggere la strada (l'unica via di comunicazione in inverno con l'esterno di Livigno) da improvvise slavine. Quando sulla destra si troverà un piccolo lago, vorrà dire che saremmo a circa mezzo chilometro dal passo vero e proprio.

Terzo giorno: Bormio, Passo dello Stelvio, Prato dello Stelvio, Passo Umbrail, Bormio

Percorso: Medio

Lunghezza percorso : circa 98 km

Ascesa totale: circa 3250 m.

Tempo di percorrenza: circa 6 ore (escluso visite)

Tempo di percorrenza con soste: circa 7 ore.

Passo dello Stelvio: è probabilmente il più conosciuto ed amato percorso, che le splendide montagna attorno a Bormio possano offrire, per le due ruote. Su queste salite si sono affrontati i migliori ciclisti di tutti i tempi e i 2700 m di altitudine del Passo dello Stelvio sono per chi pedala, un ambizioso e soddisfacente traguardo. La partenza da Bormio ci permette di avvicinarci alla vetta con una serie di tornanti, che rapidamente e faticosamente permettono di guadagnare quota.

Passo Umbrail: nella tappa del 23 maggio 2017, il Giro del centenario ha affrontato per la prima volta l’Umbrail Pass, il versante svizzero dello Stelvio, quello meno conosciuto. Interamente asfaltata solo dal 2015, questa strada poco battuta dalle auto attraversa selvaggi scenari alpini in un’atmosfera veramente suggestiva, inerpicandosi tra brulli alpeggi d’alta quota e i fischi delle marmotte. La salita dell’Umbrail parte da Santa Maria Val Müstair (1.375 metri), collegando il cantone dei Grigioni all’alta Valtellina. In realtà il valico (2.503 m) è posto circa 3 km più in basso del Passo dello Stelvio, e per ridiscendere in Italia bisogna superare altri 250 metri di dislivello.

Quarto giorno: Bormio, Passo Gavia, Ponte di Legno, Passo del Tonale, Bormio

Difficoltà : Media

Lunghezza percorso : circa 98 km

Ascesa totale: circa 2950 m.

Tempo di percorrenza: circa 5 ore (escluso visite)

Tempo di percorrenza con soste: circa 7 ore.

Passo Gavia: la salita dal versante valtellinese prevede la partenza da Bormio (1220 m s.l.m.) e sale per ben 26 km. La salita al Passo del Gavia è molto particolare, in quanto prevede una serie infinita di tratti semplici e pedalabili con tratti molto impegnativi, con un lungo falsopiano negli ultimi 3 km. Si parte da Bormio e ci si dirige verso Santa Caterina Valfurva, su una strada ampia con due strappi con pendenza di rilievo. Ci sono tratti in cui si può riprendere fiato e gustarsi il panorama, intervallati da pendenze importanti. La pendenza media della salita è del 6,5% e la pendenza massima è dell'14% per un dislivello di circa 1400 m.

Passo del Tonale: molto interessante è la salita al Passo da Ponte di Legno, lungo la quale i boschi del fondovalle si diradano in prossimità del valico, lasciando spazio agli spettacolari panorami del gruppo dell’Adamello. La meta è il Passo Tonale, rinomata località sciistica e meta degli amanti del trekking, della storia e della mtb. Nel 1984, alla 63° edizione del Giro d'Italia, si valicò questo Passo dalla Valle Camonica. In primo luogo si era predisposto che la corsa passasse per lo Stelvio, ma a causa delle abbondanti nevicate si dovette deviare il percorso per i passi del Tonale e delle Palade, per poi scendere fino a Merano. Alcuni aprirono una polemica, sostenendo che il tutto fosse stato fatto a vantaggio di Moser.

PREZZI DEL PACCHETTO PROPOSTO

Costo a persona per gruppi di 15/20 partecipanti:

 

€ 750,00 bassa stagione

€ 900,00 alta stagione

 

Servizi inclusi:

  • Pernottamenti in Hotel/B&B 3/4 stelle con centro benessere in trattamento in mezza pensione (escluso bevande);

  • Colazione a sacco;

  • Integrazione (sali minerali, barrette e gel)

  • Guida ciclistica;

  • Assistenza tecnica al seguito;

 

Servizi non inclusi:

  • Biglietti per i siti archeologici;

  • Noleggio bicicletta e Casco;

  • Possibilità di transfer andata/ritorno (su prenotazione);

  • Extra e tutto quello non riportato in “servizi inclusi”.

Su richiesta Tour personalizzati.

Per maggiori informazioni e prenotazione, scrivi a: info@irentbike.com

Termini e condizioni