Napoli in breve

Pedaleremo toccando tutti i punti cardine della città partenopea: da via Nazario Sauro al suggestivo lungomare "liberato" di via Caracciolo, a Piazza del Plebiscito con il suo Palazzo Reale e la  Basilica di San Francesco di Paola, da lì attraverseremo le caratteristiche vie del centro storico di Napoli, passando per Piazza del Gesù con la sua Chiesa del Gesù Nuovo, visiteremo la Chiesa di Santa Chiara, ed il Duomo di Napoli ed il famoso Tesoro di San Gennaro, e per finire Via Toledo, via dello shopping napoletano e della vita culturale, dove si diramano altre arterie di notevole importanza, piazze, chiese e palazzi nobiliari.

ITINERARIO IN SINTESI

Km Totali in Bicicletta circa 14 km  – Dislivello totale circa 100 m  

Incontro con la Guida e l’assistenza tecnica per il briefing

iniziale: presso Piazza del Plebiscito, Napoli alle ore 10:00 ca.

Partenza del tour ore 10:30 ca.

Percorso: Facile

Durata visite escluse: 2 ore ca.

Durata visite incluse: 3 ore ca.

*Su richiesta è possibile modificare il punto di partenza del

tour e l’orario in base alle vostre esigenze.

 

Punti di interesse:

Basilica di Santa Chiara: o monastero di Santa Chiara, è un importante complesso monastico. L’ingresso affaccia su via Benedetto Croce ed è situato sul lato nord-orientale di piazza del Gesù Nuovo, di fronte alla chiesa omonima ed adiacente a quella delle clarisse. Si tratta della più grande basilica gotica della città, caratterizzata da un monastero che comprende quattro chiostri monumentali, gli scavi archeologici nell'area circostante e diverse altre sale nelle quali è ospitato l'omonimo Museo dell'Opera che, a sua volta, comprende nella visita anche: il coro delle monache, con resti di affreschi di Giotto, un grande refettorio, la sacrestia ed altri ambienti basilicali.

Chiesa del Gesù Nuovoè una delle più importanti chiese della città, tra le massime concentrazioni di pittura e scultura barocca a cui hanno lavorato alcuni dei più influenti artisti della scuola napoletana. All'interno è custodito il corpo di san Giuseppe Moscati, canonizzato da papa Giovanni Paolo II nel 1987. In origine insisteva in quell'area il palazzo Sanseverino, progettato e ultimato nel 1470 da Novello da San Lucano per espresso volere di Roberto Sanseverino principe di Salerno. Entrati in possesso del palazzo, i gesuiti incaricarono della ristrutturazione di tutto il complesso i loro confratelli Giuseppe Valeriano e Pietro Provedi. Essi sventrarono completamente il sontuoso palazzo, non risparmiando né le splendide sale né i giardini; le uniche parti che si salvarono furono la facciata a bugne, riadattata alla chiesa, ed il portale marmoreo rinascimentale.

Duomo di Napoli: La cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta è una basilica monumentale nonché duomo e sede dell'arcidiocesi della città. Sorge lungo il lato est della via omonima, in una piazzetta contornata da portici, e ingloba altri due edifici di culto sorti autonomamente rispetto alla cattedrale: la basilica di Santa Restituta, che custodisce il battistero più antico d'Occidente; quello di San Giovanni in Fonte e la reale cappella del Tesoro di san Gennaro, che conserva le reliquie del santo patrono della città. Si tratta di una delle più imponenti chiese partenopee, sia da un punto di vista artistico, essa è di fatto la sovrapposizione di più stili che vanno dal gotico puro del Trecento fino al neogotico ottocentesco, che sotto un profilo culturale, ospitando tre volte l'anno il rito dello scioglimento del sangue di San Gennaro.

Cappella Sansevero (il Cristo Velato): L'incarico di eseguire il Cristo velato fu affidato inizialmente allo scultore Antonio Corradini che, deceduto prematuramente, riuscì ad ideare soltanto un bozzetto in terracotta che si trova oggi al museo nazionale di San Martino. La scultura fu poi commissionata a Giuseppe Sanmartino che realizzò il Cristo morto, sdraiato su un materasso, ricoperto da un velo che aderisce perfettamente alle sue forme. La maestria dello scultore napoletano sta nell’aver fatto trasparire la sofferenza che il Cristo ha provato gli attimi prima della Crocefissione attraverso la composizione del velo, intravedendo i segni sul viso e sul corpo del martirio subito. Ai suoi piedi sono scolpiti una corona di spine, una tenaglia e dei chiodi.

Palazzo Reale di Napoli: ubicato in piazza del Plebiscito, nel centro storico di Napoli, dov'è posto l'ingresso principale. L'intero complesso, compresi i giardini e il teatro San Carlo, si affaccia anche su piazza Trieste e Trento, piazza del Municipio e via Acton. Fu la residenza storica dei viceré spagnoli per oltre centocinquanta anni, della dinastia borbonica. Adibito principalmente a polo museale, in particolare gli Appartamenti Reali, ed è sede della biblioteca nazionale. Il Palazzo Reale è stato costruito a partire dal 1600, per raggiungere il suo aspetto definitivo nel 1858: alla sua edificazione e ai relativi lavori di restauro hanno partecipato numerosi architetti come Domenico Fontana, Gaetano Genovese, Luigi Vanvitelli, Ferdinando Sanfelice e Francesco Antonio Picchiatti.

Costo a persona*

3/4 pax  € 45.00/persona

Servizi inclusi:

  • Guida;

  • Noleggio bicicletta**;

  • Casco.

Servizi non inclusi:

  • Ingresso ai musei;

  • Pranzo.

Supplementi:

Supplemento bicicletta Mtb, trekking: 12.00€

Supplemento bicicletta con pedalata assistita: 20,00€

Supplemento per 1/2 pax: € 15.00 a persona

Su richiesta Tour personalizzati.

*per maggiori informazioni e prenotazione, scrivi a: info@irentbike.com

termini e condizioni

**Per questo tour, I Rent Bike mette a disposizione la city bike, ideale e confortevole per percorsi cittadini